Login »Nick: Pass:
Twitter
Facebook

Regno Unito, aereo tenta l'atterraggio, ma riprende quota: paura sul volo Ibiza- Manchester

Regno Unito, aereo tenta l'atterraggio, ma riprende quota: paura sul volo Ibiza- Manchester. Attimi di panico a bordo all'arrivo a Manchester a causa del forte vento e della pioggia, il pilota è stato costretto a ripetere l'atterraggio, quando l'aereo aveva già sfiorato il suolo

                    

L'aereo sta per atterrare, sfiora il suolo ma riprende bruscamente quota, tra lo stupore e la paura dei passeggeri a bordo. E' accaduto ieri mattina mercoledì 19 settembre a bordo di un volo  easyJet  partito da Ibiza e diretto a Manchester. Giunto nell'aeroporto, il pilota ha tentato l'atterraggio ma, a causa del forte vento e della pioggia, è stato costretto a riprendere quota e a ripetere il tentativo. Il volo, ha dovuto lottare contro le raffiche di vento laterali che ieri hanno raggiunto il picco anche di  102 miglia (164 chilometri orari) sulla Tay Road Bridge a Dundee, forzandone la chiusura. Il comandante, per atterrare, si è rivolto a una speciale tecnica detta “crub”, ovvero “manovra del granchio”: il velivolo è stato costretto a procedere lateralmente durante l'avvicinamento alla pista simulando, per l'appunto, l'andatura dei crostacei. È stato solo poco prima di arrivare a contatto con il terreno che il pilota ha dovuto  “decrabbare”, tentando di riportare il velivolo ad allinearsi correttamente con la direzione di atterraggio. Tuttavia, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”  le raffiche di vento non hanno consentito di portare a buon fine la manovra e il pilota ha deciso di riprendere quota dopo che l'aereo aveva toccato terra. Il comandante è riuscito a portare i passeggeri a terra al secondo tentativo, mentre le immagini dell'atterraggio fallito sono state pubblicate on line.

Comunicato di Avatar di dagatadagata | Pubblicato Giovedì, 20-Set-2018 | Categoria: Notizie
Portale automobilistico
Elenco e offerte Terme

Reazioni:

Voto medio

-

0 VOTI

Iscriviti per poter votare questo comunicato o pubblicarne uno a tua volta.
 

Iscriviti

Iscriviti
Iscrivendoti potrai inserire nuovi comunicati, votare i comunicati altrui e gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui o sull'immagine per aggiungerti
Versione desktop